RIAPRE LO SPAZIO AUTOGESTITO!

E’ importante partecipare alla creazione dello Spazio! Porta le tue idee, i tuoi progetti, il tuo contributo

Mercoledì 21 settembre ore 14:30 nello Spazio Autogestito (aula 0.06 dell’edificio D5)

Dopo otto mesi di autogestione, di cui cinque di occupazione, socializzazione ed iniziative, la prima battaglia è stata vinta: lo Spazio Autogestito riapre e viene riconosciuto ufficialmente dalle istituzioni del Polo delle Scienze Sociali (presidi di Facoltà e dirigente di Polo), oltre che dal Magnifico Rettore. In una società in cui dominano l’individualismo, l’arrivismo e la diffidenza, ci è reso sempre più difficile trovare spazi e momenti di aggregazione. Nell’università, specchio di questa società e fabbrica del pensiero dominante, tali luoghi sono inesistenti o fortemente regolamentati. Questo Polo ne è un esempio evidente: i suoi edifici grigi ed imponenti, le sue aule chiuse dopo le lezioni, le fitte file di banchi, inchiodati per terra, che ti permettono di vedere solo le schiene dei tuoi compagni di facoltà, i tornelli all’ingresso della biblioteca, le telecamere messe ovunque (anche davanti ai bagni..) ostacolano la libera socializzazione.

La struttura architettonica del Polo di Novoli, quindi, è stata pensata e realizzata per far sì che in questo posto ci si voglia stare il meno possibile, si abbia poca voglia di interagire con gli altri (visti i ritmi e gli orari ai quali dobbiamo sottostare), facendo diventare lo studente un superficiale consumatore di spazi e nozioni il quale si recherà a Novoli soltanto per dare gli esami, anziché essere un tipo creativo, curioso e felice di passare gran parte del proprio tempo in questo Polo.

Comunque, nonostante le istituzioni del Polo sostenessero il contrario fino a pochi mesi fa, gli spazi certamente non mancano: lo dimostrano le aule utilizzate solo qualche ora la settimana o quelle concesse alle liste studentesche candidate alle elezioni. Il progetto Spazio Autogestito, proprio a partire da queste contraddizioni, nasce dall’esigenza di creare un luogo degli studenti, di tutti gli studenti, in cui confrontarsi, socializzare, promuovere iniziative e vivere esperienze di condivisione, di autogestione e di solidarietà. Spinti da queste esigenze, dopo aver provato la via del confronto e del dialogo, a febbraio 2011 alcuni studenti hanno occupato un’aula dell’edificio D5. Le istituzioni universitarie hanno risposto attraverso minacce di sanzioni disciplinari, con pressioni su professori, ricercatori e gruppi studenteschi perché delegittimassero l’occupazione e, infine, con lo sgombero dell’aula. Ma la determinazione degli studenti e la reale necessità di una risposta alle loro richieste ha portato ad una seconda occupazione, la quale ha dato i suoi frutti. Non è stato per niente facile e certamente non ci siamo divertiti ad occupare un’aula per così tanto tempo ma, anche grazie alle 1000 firme di sostegno raccolte fra gli studenti e ad un appello di solidarietà sottoscritto da 12 collettivi nell’ateneo, siamo riusciti ad ottenere quello che volevamo: un libero spazio degli studenti per gli studenti qui, al Polo di Novoli e non fuori dal Polo (come ci era stato proposto inizialmente…).

Questo è solo il primo passo, non ci illudiamo certo di aver risolto il problema con il singolo riconoscimento dello Spazio. Il prossimo obiettivo è quello di creare socialità, di moltiplicare le iniziative e i momenti di confronto, di scambio di opinioni, di accrescimento reciproco. Rompendo la grigia quotidianità che ci viene imposta, remando contro un sistema universitario che genera macchine da esami e che incentiva la concorrenza e l’individualismo: vogliamo stimolare la crescita di coscienze critiche, il confronto e la condivisione.

Per questo è importante partecipare alla creazione dello Spazio!

Porta le tue idee, i tuoi progetti, il tuo contributo

Mercoledì 21 settembre ore 14:30

nello Spazio Autogestito (aula 0.06 dell’edificio D5)

Voci dallo Spazio

Blog : http://spazioautogestitonovoli.noblogs.org

Facebook: Spazio Autogestito

This entry was posted in Comunicati and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *